Life

La casa dei TRIARI è in pericolo

Vuoi un campo? Insegna la nostalgia dell’erba!

Conosci questa frase di A. de Saint-Exupéry (autore del libro “Il Piccolo Principe”)?

“Se vuoi costruire una barca, non radunare uomini per tagliare legna, dividere i compiti e impartire ordini. Ma insegna loro la nostalgia per il mare vasto e infinito”

Siamo rugbisti old la cui dotazione di realismo e autoironia cresce con il diminuire dei muscoli e dell’energia!
Nell’estate del 2016 abbiamo visto una nuova frontiera, cogliendo una grande sfida: realizzare con le nostre mani, dal nulla, un campo che diventasse ‘casa’, luogo di sport, ma anche d’incontro e memoria condivisa, luogo nel quale potessimo sviluppare anche il Minirugby.

Di solito accade il contrario! Prima Minirugby, poi agonismo giovanile, agonismo senior, infine i veterani… MA non è il nostro uno sport che nasce da una trasgressione da parte di Webb Ellis?


A Webb Ellis viene riconosciuta l’invenzione del gioco del rugby in quanto, durante un incontro di football tra allievi della Rugby School nell’omonima città inglese, egli prese la palla con le mani (all’epoca permesso dal regolamento) e la depositò correndo (cosa non permessa) nell’area di porta avversaria.

E, allora, non ci si stupisca più di tanto!

Parafrasando quindi Saint Exupery
Abbiamo serrato le fila, preso gli attrezzi e diviso i compiti, imparato a vangare, rizollare e seminare, ma soprattutto suscitato, in tutta la compagine, la nostalgia e il desiderio di un più vasto Rugby… alla portata di tutti, adulti, bambini, giocatori e non giocatori!

Oggi, il Minirugby dei Triari, grazie a questo nuovo campo, è diventato realtà e un gruppo di giovani ‘pionieri’ ha iniziato il proprio percorso formativo.

Come si chiamano questi giovani rugbisti?

Ovviamente Veliti (erano, questi, i soldati giovani, con armamento leggero, animati da entusiasmo agonistico e con tutto il futuro davanti!).

E i Veliti vogliono continuare a tenere ‘in forma’ anche il loro campo, perché

“Un ragazzo che avrà seminato la propria area di meta, la difenderà non solo nella partita.”
da ‘Rugby – Creatività totale’, di Franco Ascantini e Luigi Nespoli

La nostra (e vostra) battaglia…

#DIFENDIAMOILCAMPODEITRIARI

Con il tuo sostegno chiediamo aiuto alle istituzioni, per interrompere la furia distruttrice di un singolo “imprenditore” che intende annullare il lavoro di anni, distruggere la nostra casa e la casa di bambini e genitori.

Leggi e firma la petizione cliccando qui.
Il tuo sostegno è fondamentale.

Share

Leave a Reply